La fine di una relazione

psicologa ponte tresa
Cose importanti in una relazione di coppia
30 Ottobre 2019
padre e madre ruoli funzioni influenze
Psicologia della famiglia papà e mamma, qualche riflessione
15 Novembre 2019
fine relazione d'amore

Tra gli eventi che capita di affrontare nella vita, c’è l’esperienza di dover vivere la fine di una relazione d’amore.

Quando si chiude un rapporto affettivo, siamo invasi da mille pensieri su come cambierà la nostra vita senza la persona con cui abbiamo condiviso per molto tempo abitudini, spazi e momenti.

Credo che ci siano alcune cose di cui tenere conto al termine di un rapporto, o nel pieno di una crisi di coppia:

  • valutare obiettivamente i motivi che hanno portato alla rottura, se si tratta davvero di ragioni fondamentali per il proseguimento della relazione

  • cercare di capire davvero se è stato fatto tutto il possibile per trovare un compromesso

  • considerare se i sentimenti di entrambi i membri della coppia sono ancora presenti nella relazione

  • valutare se si tratta di una crisi momentanea dettata magari da un periodo difficile nostro, o del partner, o di entrambi, o se la crisi si prolunghi da un po’ di tempo e sia non risolvibile

  • ascoltare il partner e le sue ragioni, se è stato l’altro a decidere, capire davvero le motivazioni che lo hanno portato a quella decisione

  • fare tutto quanto riteniamo opportuno ed efficace per recuperare il rapporto, se abbiamo subito la chiusura, per non avere in seguito il pensiero che se avessimo fatto anche “quella cosa”, forse avremmo potuto salvare la relazione.

A questo punto, quando tutto il possibile è stato fatto, le cose da dire sono state dette, o comunque non ci sono più possibilità di dialogo con l’altra persona e la relazione è davvero giunta al termine, cosa possiamo fare e cosa invece è meglio evitare?

  • Accettare che è normale sentirsi bloccati, in preda ai pensieri ed alla paura per come sarà la nostra vita da quel momento

  • serve del tempo per riuscire a concretizzare un cambiamento interno e non esistono tempi predefiniti, “giusti” o “sbagliati”, ogni persona è diversa ed ha modalità e tempistiche differenti per elaborare un lutto, perché è di questo che si tratta

  • serve a poco continuare a pensare cosa altro avrei potuto dire o fare, di chi siano le colpe…inevitabile pensarci, ma poco utile, ormai non ha più importanza e soprattutto non ci aiuterà ad andare oltre

  • cerca di vedere i fatti nella loro realtà, negare l’evidenza ti porta solo a pensare a cosa poter fare per cambiare le cose, quando invece non è possibile. Quello che poteva essere fatto è già stato fatto, ora serve accettare

  • non consideriamoci dei falliti, non lo siamo, la chiusura della relazione può essere un’opportunità per capire cosa è davvero importante per noi in un rapporto d’amore, può aiutare a conoscerci meglio

  • concentrati su di te e smetti di pensare a cosa farà l’altra persona, come vivrà, chi vedrà. E’ normale inizialmente farlo, ma cerca di contrastare il più possibile questi pensieri, riconoscili, falli uscire, ma lasciali andare non fermarti su essi, non serve e ti fanno stare attaccato alla sofferenza

  • impara che sei sufficiente a te stesso, sei una persona adulta che non ha bisogno di appoggiarsi a qualcun altro per la propria serenità; non devi far dipendere la tua felicità da qualcuno o qualcosa di esterno, sarebbe troppo rischioso per te

  • continua a fare le cose di sempre, non perdere le tue abitudini, createne di nuove

  • pensa che non è possibile controllare l’altro, non tutto dipende dalla nostra volontà, dopo aver fatto di tutto per salvare il rapporto possiamo solo lasciar andare impegnandoci il più possibile in questa direzione. Le relazioni non sono certezze assolute

  • ricordati che il dolore passerà, la confusione, la sensazione di smarrimento pian piano svaniranno. SE NE ESCE, non resterai bloccato per sempre in questo momento. E’ solo un passaggio della tua vita, ma ne uscirai.

Spesso cerchiamo di evitare il dolore, ovviamente nessuno ha voglia di stare male e vivere momenti di tristezza, ma l’unico modo per superarlo davvero è proprio quello di accettare di attraversarlo completamente e capirlo, sentire cosa ci sta dicendo. Solo allora le parti ferite di noi cominceranno a guarire, altrimenti continueranno a riproporsi nella nostra vita.

Il distacco da qualcuno fa indubbiamente molto male, ma non dobbiamo permettere che la nostra vita si fermi lì. Ogni allontanamento ci consente di conoscere qualcosa in più di noi, regalarci un po’ di nuova consapevolezza e ci permette di diventare coscienti di quante risorse possediamo e quanti ostacoli siamo in grado di superare.

Cosa ne pensi? Stai vivendo la fine di una relazione? Ti è successo in passato e vuoi raccontare cosa ti ha aiutato a superare quel brutto momento?

Se vuoi lascia un commento, sarò felice di leggerlo e se vuoi venire a trovarmi contattami.

Grazie e ciao.

Cristina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.